mercoledì 16 giugno 2010

E3 2010: Miyamoto Special Event

In questo evento speciale, Shigeru Miyamoto parlerà dei futuri titoli Nintendo nei quali è direttamente coinvolto, in compagnia di quattro giornalisti di settore e dinnanzi ad un pubblico da 200 persone.


Si parte con Nintendogs per 3DS, che in questo episodio includerà anche i gatti, una recente passione di Miyamoto. Cani e gatti potranno interagire, mostrando personalità differenti di cucciolo in cucciolo; la telecamera di 3DS consente la ricognizione facciale, ed i cuccioli si comporteranno diversamente in base a quanto conoscano l'utente. Avvicinandosi allo schermo, però, sarà possibile ottenere un' affettuosa leccata...
La console consentirà ai possessori del gioco di scambiare i propri cuccioli, o durante lo Sleep Mode, ottenere informazioni sui cuccioli di altri utenti (3DS è in grado di mantenere uno stato di comunicazione con altre console nelle vicinanze anche in standby, indipendentemente dall'intervento dell'utilizzatore).

Parlando di Zelda: Skyward Sword, Miyamoto scherza sul fatto che la dimostrazione sul palco dell'E3 non sia andata molto bene: problemi con la connessione wireless hanno determinato una risposta ai comandi molto lenta, talvolta addirittura assente. Ma c'è sempre tempo per rimediare, ed il maestro prega i presenti di spegnere i propri cellulari per una seconda prova: tutto funziona a dovere stavolta. Durante lo scorso E3, spiega Miyamoto, la struttura del gioco era già completa ma non c'erano ancora assets grafici definitivi aldilà dell' unico artwork mostrato; lo sviluppo al momento è "molto avanzato", ma non è detto che Nintendo riesca a pubblicarlo entro la fine dell'anno.

Riguardo la trama, questa volta Link è un ragazzo nato su Skyloft, un mondo che esiste al di sopra delle nuvole. Un giorno egli scopre accidentalmente che esiste un mondo anche al di sotto di esse, un mondo pericoloso e dominato da forze maligne. Link si imbarcherà inun'avventura che lo porterà a viaggiare spesso tra i due mondi e che routerà intorno alla mitica Skyward Sword.
Ovviamente, parliamo della stessa arma che in futuro diverrà la celeberrima Master Sword; nel nuovo Zelda si narra la genesi di quest'arma.

Miyamoto è un amante dell'impressionismo, in particolare di Cézanne. In Zelda, egli ha fatto in modo che fosse usato un art style reminiscente di quel particolare periodo dell'arte, proprio perchè si sposa bene con i temi del gioco.

Si parla dell'intuitività dell'inventario, e di come Wiimotion Plus diventi in questo caso una sorta di mouse tridimensionale. La dimostrazione viene interrotta, e sullo sfondo ritorna il trailer mostrato alla conferenza di qualche ora fa. L'evento può dirsi concluso, e Miyamoto risponde alle domande del pubblico. Ecco qualche dettaglio interessante:

- Gli indicatori a schermo potranno essere del tutto disattivati nella versione finale di Zelda

- Interpellato su un possibile Pikmin per Wii, il Maestro diventa evasivo ma conferma che il gioco è in sviluppo. Con così tanti giochi all'E3, spiega, non avrebbe ricevuto la giusta attenzione

- Il Maestro non commenta sulla durata della batteria di 3DS. Preferisce parlare del software, a quanto pare

- Nintendo ha allocato più personale sulle musiche di Zelda per renderle più elaborate e realizzare un maggior numero di pezzi

- Uno tra gli obietivi del nuovo Zelda è rendere il combattimento più fluido e naturale possibile. Per questo Link può usare pozioni in combattimento senza dover fermare l'azione

- Gran parte del personale di Spirit Track lavora a Skyward Sword. Da uno di loro è giunta l'idea della frusta

- Il gioco avrà un ritmo tale da non stancare fisicamente il giocatore, sottoponendolo a continui combattimenti. Puzzle ed esplorazione provvederanno alla necessaria varietà dell'esperienza

Nessun commento: